Aree di attività

« Aree di attività
Responsabilità medica: casi di malasanità

Responsabilità medica: casi di malasanità

Lo Studio FBA e in particolare l’avv. Michele Anichini - da anni impegnato nell’assistenza legale di soggetti danneggiati a causa o in dipendenza di pratiche sanitarie - dedica privilegiata attenzione agli episodi di c.d. "malasanità", ovvero di errore medico, fattispecie nella quale vengono in rilievo diritti costituzionali quali il "diritto alla salute" (art. 32 Cost.) e il "diritto di autodeterminarsi" nella scelta terapeutica (art. 13 Cost.) attraverso una corretta e completa informazione sull'intervento operatorio, le sue possibili complicanze, le alternative terapeutiche praticabili etc...

 

La responsabilità medica può derivare da molteplici situazioni:

  • errata e/o ritardata diagnosi;
  • mancanza di diligenza e/o prudenza e/o perizia nell'intervento;
  • precoci dimissioni del paziente quando il quadro non è ancora stabilizzato;
  • carente assistenza post-operatoria;
  • infezioni contratte a seguito di trasfusione di sangue;
  • infezioni postoperatorie;
  • gravi carenze strutturali della struttura ospedaliera;
  • omesso "consenso informato" all'operazione.

 

L'importanza della materia trattata e la maggiore consapevolezza acquisita dalla persona comune del proprio Diritto alla salute ha portato negli ultimi anni ad una crescita esponenziale del contenzioso contro medici. Nessuno è più disposto a tollerare i cosiddetti casi di malasanità ed è per questo che si cerca di andare fino in fondo, al fine di ottenere il giusto risarcimento dei danni patiti - personalmente o dai propri cari - in caso di errore medico.

A fronte di ciò si manifesta però anche un progressivo svilirsi della qualità delle domande, la cui fondatezza spesso è opinabile.

È nostra convinzione, invece, che solo un'attenta ed obiettiva attività di "screening" e consulenza preliminare possa mettere il paziente che si ritiene danneggiato da una pratica sanitaria nelle reale condizione di non instaurare cause infondate e di ottenere in un futuro contenzioso (stragiudiziale e/o giudiziale che sia) il giusto risarcimento dei danni patiti.